Commissioni deserte, costi alla comunità.

IL DESERTO STA FERMO… MA LO PAGHI TU!

AL COMUNE DI SEZZE LE COMMISSIONI NON SI SVOLGONO MA LE PAGHIAMO LO STESSO!

Scrivere questo pezzo non è facile, stento a crederlo io che lo scrivo posso solamente provare ad immedesimarmi in chi lo leggerà.

Eppure è tutto vero.

Questa mattina sono state convocate le famose (ed utilissime…. ma è una battaglia che facciamo ormai da due anni) Commissioni Consiliari.

Ordini del Giorno pomposi (si fa per dire ndr) e convocazione alle ore 9:00.

Caffè, due parole e saliamo al Comune nella splendida casa dei Setini nell’Aula Di Trapano.

Scranni vuoti, due, tre persone che scrivono qualcosa (il verbale? Ndr).

Alle ore 09:00 avrebbe dovuto esserci la Commissione Cultura, Politiche scolastiche e sport.

L’ordine del giorno? Ben fornito:

  1. Approvazione verbali precedenti (routine ndr)
  2. Comunicazioni del Presidente (routine ndr)
  3. Natale Setino nella città della Passione alla scoperta delle tradizioni natalizie e delle musiche dell’avvento (sembra il titolo di un libro di Piero Angela ma potrebbe essere interessante sentire dei politici parlare e confrontarsi sulle musiche dell’avvento ndr)
  4. Valorizzazione Monumento ai Caduti di Sezze tra storia e letteratura (bel titolo, ma è una Commissione o una Conferenza? Cioè che c’entra la politica? ndr)
  5. Programmazione attività della Commissione (decidere che fare a gennaio ndr)

Tutta questa splendida roba all’Ordine del Giorno uno si aspetta gente tipo Sgarbi che parla di arte e letteratura, insomma alla fin fine si dovrebbe parlare di come onorare meglio (anche col nobile mezzo della letteratura) i caduti in guerra di Sezze (abbiamo anche medaglie d’oro…).

Presenze? Della Commissione 2 (quindi è andata deserta) più altri 4 Consiglieri aggregati. Costo? Circa 120 Euro per la collettività…

Alle ore 10:00 è convocata, invece, la Commissione Lavori Pubblici.

Già fa strano l’orario (si vede che alla Cultura hanno previsto di parlare di tutta quella roba in un’oretta scarsa…) per parlare di una cosa abbastanza delicata.

L’ordine del Giorno? Un punto unico, eccolo…

  1. Ripristino divieto di sosta Via Piagge Marine: audizione Assessore Giovanni Zeppieri e Dr. Lidano Caldarozzi. (finalmente qualcosa di concreto, c’è sempre casino a Via Piagge Marine, vediamo che decidono ndr)

Prendiamo i pop-corn e aspettiamo. Ah, già, ma non si fa vedere nessuno, anche qui 2 presenti effettivi e 4 Aggregati.

Ovviamente Zeppieri e Caldarozzi nemmeno provano ad affacciarsi (sanno come funzionano le commissioni e non hanno molto tempo da perdere) quindi non sapremo mai come va a finire il divieto di sosta. Ma anche in questo caso alla collettività costa 120 Euro.

Alle ore 12:00 è convocata la Commissione Trasparenza dell’agguerrito Reginaldi. Ordine del Giorno? Eccolo:

  1. esamina e lettura atti amministrativi (perfetto analisi logica e grammaticale di atti pubblici? Ma quali poi? Decidono a caso o l’ì per lì? ndr)
  2. Comunicazioni del Presidente
  3. Varie ed eventuali

Alle ore 12:00 aspettiamo, c’è Reginaldi, altri 2 Consiglieri (che con la Commissione non c’entrano nulla ma li mettiamo presenti così si prendono il gettone di presenza) e la seduta va deserta.

Ottimo e abbondante, solo 60 Euro di costo per la collettività. Tra il non far niente la Trasparenza almeno costa poco…

Insomma ci parte la mattinata tra una Commissione e l’altra, vi risparmiamo il video per pietà di patria, ma assicuriamo che ci stanno 3 – 4 persone che parlano del più e del meno che aspettano che va via il tempo (e per fortuna che ci siamo noi che animiamo un po’ la discussione altrimenti sai la noia…) e ci rendiamo conto che dei punti all’Ordine del Giorno non frega a nessuno. Nè a chi dovrebbe esserci né a chi c’è. Nulla. Zero. Non provano nemmeno a parlare delle cose che avrebbero fatto, però ci assicurano (ancora???) che le Commissioni sono utili e ci servono.

Però intanto facciamo un calcolo, il dolce far niente di oggi è costato alla Collettività 300 Euro. Di Gettoni di presenza i Consiglieri si divino circa 110.000 Euro l’anno, in 5 anni 550.000 Euro, di cui ben oltre la metà completamente inutili.

Diciamo un 250.000 Euro avremmo potuti risparmiarli… Come dite? Pari pari la somma del mutuo che il Comune di Sezze ha acceso per rifare la pista allo stadio “A. Tasciotti”? Si, vabbè, se l’avessimo risparmiati non avremmo acceso questo mutuo, indebitandoci per i prossimi 20 anni e pagandoci anche gli interessi sopra.

Ma questa si chiamerebbe buona politica, e non è data avere a Sezze.

A Sezze c’è il deserto, ma lo paghiamo lo stesso.

2 pensieri riguardo “Commissioni deserte, costi alla comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *